Blog

"LE RISPOSTE SONO GIÀ DENTRO DI NOI. A VOLTE, C'È BISOGNO DI QUALCUNO CHE CI AIUTI, CHE CI ASCOLTI, CHE CI SOS-TENGA D'OCCHIO UN PO'"
pierluigi troilo formazione per enti aziende e professionisti

E adesso a chi do la mia DELEGA? Delegare o non delegare? E a chi delegare?!

Questa è la domanda che ad un certo punto molti manager si pongono: Delegare o non delegare? E a chi delegare? E pur avendo a disposizione come collaboratori valide risorse, vanno in panne e sentono la difficoltà di prendere una decisione e scegliere il proprio alter ego.

Però, la domanda che innanzitutto chiedo che il manager si faccia è questa: perché vuoi delegare? Le dimensioni del team e/o del campo d’azione del reparto sono grandi a tal punto? Le cose non funzionano? Sei stressato? Sei stanco di ciò che stai facendo in questo momento? C’è altro nel tuo profondo che ti pesa e vorresti liberartene?

 

Si, insomma, prima di passare la palla a qualcuno e scegliere a chi assegnare la delega, occorre una sorta di “esame di coscienza” 1. sulle proprie convinzioni, 2. sulle proprie necessità e 3. sulla propria efficacia (in termini, quest’ultima, di obiettivi, scopi e comunicazione).

 

Ecco, fatto questo, allora, il manager può passare in rassegna le proprie risorse e mettere a confronto da un lato ciò che si aspetta dal proprio collaboratore e dall’altro quali sono le skill e il potenziale di questi.

Questo lavoro di confronto può essere fatto in molti modi. Qui te ne propongo uno che consiste in una serie di domande a cui tu stesso (manager, imprenditore, gerente, ecc) devi rispondere.

 

Valuta per ogni tuo collaboratore le caratteristiche seguenti, con 1 (per niente), 2 (poco), 3 (sufficiente), 4 (notevole) e 5 (tanto) e, se credi, aggiungi nel tuo file altre caratteristiche che ti verranno in mente mentre svolgi questo lavoro.

  1. Leadership:
  2. Gregariato:
  3. Fedeltà:
  4. Ispira fiducia a terzi:
  5. è coerente col suo ruolo:
  6. Ha capacità tecniche:
  7. è a favore del team:
  8. Si assume la responsabilità/delega:
  9. Propende per il cambiamento:
  10. Ha spirito imprenditoriale:
  11. Si sporca le mani:
  12. è operativo:
  13. Ha un potenziale da sviluppare:
  14. Raggiunge i risultati assegnati:
  15. … …

Naturalmente, sai tu quale peso attribuire ad ognuna delle caratteristiche, in funzione delle necessità della tua organizzazione, perché è fondamentale, di conseguenza, fare una ponderazione del risultato. E poi tiri la riga delle somme!

Ma se sei davvero coraggioso, la prima scheda del tuo file deve riportare… il tuo nome! Insomma, è un po’ come nella vita: devi conoscere (e amare) profondamente te stesso per poter conoscere (e amare) anche gli altri! (a tal proposito vedi questo video)

Buon lavoro!

 

Se il post ti è piaciuto allora condividilo.

A presto

Pierluigi

 

P.S. Se nel momento in cui stai leggendo questo articolo tu e la tua organizzazione state proprio prendendo in considerazione un assessment, un piano di sviluppo o riorganizzazione, una selezione o dimensionamento, per essere più sicuro di ciò che stai facendo e scevro da condizionamenti, ti suggerisco di avvalerti di un consulente esperto: sono scelte cruciali e meritano il giusto investimento, a volte basta una web-session a volte un progetto più articolato, ma sono scelte che determinano il lungo periodo e, dunque, meritano il giusto impegno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *